IN MEMORIAM

326X326 ANANDAMOY

 

Brother Bhaktananda

 

 

Brother Bhaktananda, discepolo di Paramahansa Yogananda dal 1939 e amato Ministro presso il Tempio di Hollywood della Self-Realization Fellowship, ha lasciato serenamente questo piano terreno lunedì 4 aprile 2005. Brother Bhaktananda nacque il 2 novembre 1914, vicino a Pittsburgh, in Pennsylvania. Si chiamava Michael Krull. Entrò nell'ashram della SRF a Mount Washington nel 1939, e fu ordinato monaco da Paramahansa Yogananda nel 1940. Prese i voti finali di rinuncia (sannyas) con Sri Daya Mata nel 1955 con il nome sanscrito di "Bhaktananda" ("beatitudine attraverso la devozione").

Viaggiò per tutti gli Stati Uniti, in Europa e in India, tenendo conferenze sugli insegnamenti della SRF e iniziazioni al Kriya Yoga. Era conosciuto da amici e membri della SRF per la sua vita esemplare di semplicità e devozione a Dio e al Guru.

Attraverso i suoi servizi al tempio, le conferenze durante le Convocazioni, le lezioni pubbliche, i discorsi riportati sui Magazine della SRF e i colloqui spirituali individuali, ha ispirato innumerevoli membri e amici con la sua indole compassionevole e i profondi ricordi degli anni con Paramahansa Yogananda.

Il 9 aprile presso il Forest Lawn Memorial-Park di Hollywood, Brother Achalananda, del Consiglio Direttivo della SRF, ha condotto un servizio in sua memoria. Ha partecipato un grande numero di devoti - molti da paesi lontani - per onorare questo umile discepolo che ha dato così tanto all’opera di Paramahansa Yogananda e alla famiglia spirituale mondiale.

Sri Daya Mata ha inviato un amorevole tributo da leggere durante il servizio commemorativo:

 

Durante il servizio tenuto a Mount Washington per i monaci della SRF, Brother Anandamoy ha reso omaggio al suo compagno discepolo di tanti anni:

 

Durante il servizio funebre a Forest Lawn, Brother Achalananda ha letto una lettera che Sri Daya Mata aveva scritto a Bhaktananda nel 1994 per celebrare il suo ottantesimo compleanno:

 

Quello stesso sentimento è stato riproposto in tantissime lettere scritte dai membri della Self-Realization Fellowship di tutto il mondo nelle settimane successive alla sua scomparsa. "Era sempre paziente", ha scritto uno di loro. “Sentivo di potergli fare qualsiasi domanda e avrebbe sempre avuto il tempo di rispondere. Non potrò mai dimenticare tutto quello che ha fatto per me. Trasformava profonde verità spirituali in formule pratiche per la vita quotidiana. Soprattutto, è la sua umiltà ciò che mi ha colpito di più”.

“Faccio parte della SRF da circa trenta anni", ha scritto un altro. “Ho prestato servizio presso il Tempio di Hollywood per quasi vent'anni. Noi discepoli laici rispettavamo veramente Brother Bhaktananda. Non era mai intimo con nessuno, per quanto ho potuto vedere, ma c'era un sentimento implicito di amore e amicizia con lui, come una forza nascosta. Non l'ho mai visto nervoso. Non l'ho mai visto arrabbiato e nemmeno irritato. Davvero non l'ho mai visto reagire in modo negativo. A volte l'ho visto deciso e forte con alcune persone, ma senza mai esagerare. Semplicemente non ne aveva bisogno.

Anche se non lo mostrava nella sua personalità esteriore, sotto la superficie c'erano un potere e una forza autentici più che in chiunque altro abbia conosciuto".

Anche Brother Ishtananda ha parlato al servizio commemorativo di Forest Lawn:

 

Riassumendo la gratitudine amorevole provata da così tante persone per la santa vita di questo amato umile monaco, un devoto indiano che lo conosceva ha scritto: "Brother Bhaktananda era un'incarnazione di amore, pace e sintonia ininterrotta con Guruji". E un altro ha concluso: "Che mondo migliore abbiamo grazie al fatto che egli ha vissuto e trasmesso gli insegnamenti del Maestro!”.