IN MEMORIAM

326X326 ANANDAMOY

 

Luther Burbank

Un apprezzamento di Paramahansa Yogananda:

 

 

O beatifico Burbank!

Tu sei il grande innovatore, Luther,

di ogni genere di piante e di fiori esistenti:

quelli delicati, quelli che crescono tenaci

o il pungente cactus.

 

Il tuo atteggiamento così pacato

ha sedotto l'impietoso cactus:

spogliandosi della sua corazza di spine,

ha imparato a sacrificare la sua polpa

perché tutti se ne potessero cibare.

 

Centosessanta anni impiegava il risoluto

albero del noce dalla solida struttura,

per raggiungere il suo completo sviluppo;

le tue cure hanno ammorbidito la sua fibra

e gli hanno insegnato a ridurre il tempo

della crescita a centoquaranta anni.

 

Il sorriso dolce come un fiore che illumina il tuo viso

rivela che sei stato nutrito dal seno della Natura

ornato da merletti di petali.

Ti ho veduto come un fiore di loto mentale coltivato da Dio,

che si dischiude amorevolmente

per riversare gli splendidi raggi

della tua conoscenza del regno vegetale, nella sua forma più

elevata, su tutti i tuoi simili;

rivolgendosi anche teneramente al

maestoso Sole invisibile

che dona luce alle piccole piante,

alle stelle lontane, alle bollicine scoppiettanti, a te e

a me e a tutta l'umanità.

 

Non mi hai domandato: "Chi sei?",

ma hai compreso le parole del mio cuore.

Le nostre anime si sono incontrate

e abbiamo scoperto

di avere entrambi una sola meta,

un solo compito, una sola legge:

abbattere le barriere degli oscuri

dogmi

per mezzo della conoscenza.

Sulla superficie dell'Oceano esiste

la diversità;

sotto la sua superficie si trovano

tutte le onde unite

in perfetta Armonia.

Tu e io ci siamo tuffati nelle acque

profonde:

tu, attraverso le onde viventi delle piante,

e io attraverso le onde delle menti

umane.

Ci siamo incontrati,

come accade a tutti coloro che si

immergono in profondità,

nell'immensa distesa della perfetta

Armonia,

nel grande mare della Verità.

 

Tu detesti le dottrine e i dogmi

e io tutti i falsi misteri creati dall'uomo.

Noi che non apparteniamo a

nessuna 'casta'

conosciamo soltanto

un luminoso sentiero di luce

tracciato dalla verità.

Gli uomini non entrano nel mondo

interiore;

per questo motivo dicono:

"Egli è lontano, oh, molto lontano!".

Ma non è Lui che si nasconde a

noi,

siamo noi che ci nascondiamo a

Lui.

Affrettiamoci

a penetrare nel nostro sé più

profondo, e vi troveremo Lui,

sempre!

Dio ha creato te, e tutti gli altri

esseri, a sua immagine.

In verità tu hai infranto il dogma

che perdurava da secoli:

creando nuovi frutti e nuove piante,

hai rivelato al mondo, sorpreso,

il figlio del Creatore, egli stesso un

creatore.

 

O Santa Rosa, tu sei benedetta

per aver propagato il profumo di

questo grande fiore

affinché tutti i popoli della terra

godessero della profusione

di una così dolce fragranza.

 

Se la Natura crea una pianta

imperfetta,

Burbank con la sua bacchetta

magica

disperde i germi che la invadono.

Egli crea dalle vecchie piante nuovi

esemplari, con vesti nuove, vibranti di colore

e di vitalità.

 

Dalla sua vita, amate creature del

mondo,

ricevete un consiglio:

se siete deboli, afflitte, o schiave

dell'errore,

potrete riacquistare la libertà,

quando la vostra ragione seguirà

la direzione giusta

con ferma determinazione,

e potrete essere ciò che la vostra

anima

desidera ardentemente che voi

siate.

 

Santa Rosa, le stagioni non

faranno appassire il tuo fiore

Luther;

sul terreno dei ricordi vivrà,

sempre fresco,

nel corso senza fine del tempo.