IN MEMORIAM

326X326 ANANDAMOY

 

Sahaja Mata

 

Sahaja Mata, una discepola che fu molto vicina a Paramahansa Yogananda fin dal 1945 e fece parte di coloro che lui scelse per servire nel Consiglio di Amministrazione della Self-Realization Fellowship, si è spenta il 5 maggio. Svolgendo per molti anni l’incarico di Condirettore della Redazione per le pubblicazioni della Self-Realization Fellowship, ebbe un ruolo determinante nel contribuire a diffondere il messaggio di saggezza e d’ispirazione di Paramahansa Yogananda a migliaia e migliaia di persone in tutto il mondo per mezzo della parola stampata.

Sahaja Mata ricevette i voti finali di sannyasini dell’Ordine degli Swami da Rajarsi Janakananda nel 1953. Il termine sanscrito ‘sahaja’ significa ‘naturale’ o ‘natura innata o predisposizione’; in questo caso si riferisce alla innata gioiosa semplicità dell’anima, la reale natura dell’essere umano: libera da ogni ostentazione, dagli stati d’animo e dai complessi del falso sé o ego.

Sri Daya Mata celebrò il servizio di commemorazione per Sahaja Mata il 16 maggio. Rendendo un amorevole omaggio a quella cara anima che rifletteva in maniera davvero eccezionale la purezza, la gioia e la bellezza interiore della propria vita concentrata su Dio, Daya Mataji disse: